<<<<<< 

 Chiunque, colpito da una qualsiasi di queste povertà, è un Povero.IMG_2306_400x600_400x600

Ogni povero, per natura, ha il diritto di non esserlo.

Quattro aree di povertà:

  • la povertà che viene dalla risposta insoddisfacente al bisogno relazionale che ha l’essere umano. L’essere umano è un animale di gruppo; da branco; deve relazionarsi per crescere, per vivere al meglio …Chi può soffre di questa povertà? Gli anziani – malati mentali – carcerati – handicappati – immigrati – ma anche i minorenni – gli adolescenti lasciati soli con i loro disagi (pensate alle famiglie che hanno un solo genitore; certo meglio che nessun genitore, ma è innegabile che sia diverso dall’averne due che vivono in accordo)
  • la povertà che viene dal non senso o del non significato o del non valore che viene dato alla propia od altrui vita. Probabilmente è la povertà più difficile da riconoscere e comprendere. La povertà che nasce dall’autodistruzione per droga – alcool- bulimia –anoressia – eccessivo sforzo fisico – eccessiva dipendenza dal lavoro …
  • la povertà data dalla precarietà economica che deriva da crisi finanziarie presenti in questo modello di mondo capitalista, ove il soldo viene messo addirittura prima del valore dell’Uomo. Si generano soldi con lo sfruttamento di vite altrui. DSCN0858_640x480_800x600
  • la povertà che deriva dal non avere la possibilità concreta di soddisfare i bisogni primari di: cibo – vestiario – salute – casa – lavoro – studio. E’ questa quella povertà che viene comunemente riconosciuta da tutti

>>>>>>

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: